Chiudi
ITA | ENG

Camporoccio

Uno dei vini storici dell’azienda e forse uno dei più rappresentativi tra i rossi. Le migliori uve del clone aglianico Taurasi, dopo un’ attenta selezione, vengono fatte fermentare in vasche d’acciaio con lieviti indigeni, la macerazione con le bucce si protrae per diversi giorni dalla fine della fermentazione, fino a dare il giusto apporto in polifenoli. In tal modo il vino assume le giuste caratteristiche per un lungo affinamento. Una parte del vino che va a far parte del Camporoccio matura per circa 8 mesi in barrique di rovere di secondo e terzo passaggio. Vino equilibrato e che conserva intatte le caratteristiche del vitigno, accompagna bene piatti a base di carne rossa e salumi.

  • Nome prodotto: Camporoccio
  • Vitigno: Aglianico Taurasi 100%
  • Confezionamento: 750 ml
  • Area di produzione: Galluccio (Ce), alle pendici del vulcano spento di Roccamonfina
  • Denominazione: Galluccio Rosso DOP
  • Natura del terreno: Vulcanico con una buona concentrazione di sali minerali e micro elementi
  • Nr di Bottiglie prodotte: 6000
  • Età media delle viti: 20 anni
  • Ceppi per Ettaro: 2200/4000
  • Età del vigneto 1995
  • Forma d’allevamento: Guyot
  • Produzione per Ettaro: 60ql/ha
  • Raccolta: A mano in cassette da 15 kg
  • Epoca di vendemmia: Metà Ottobre
  • Vinificazione: In acciaio a temperatura controllata con lieviti selezionati
  • Affinamento: Barriques di Rovere Francese per circa 8 mesi di secondo e terzo passaggio / 10 mesi in bottiglia
  • Colore: Rosso rubino al granato
  • Profumo: Molto intenso , Speziato e Fine
  • Sapore al palato: Duro, spigoloso quanto basta, giustamente tannico
  • Caratteristiche:
  • Alcool: 14%
  • Acidità: 5,5g / L Ph 3,5 /
  • Zuccheri: 2g/L
  • Estratto secco netto: 33 g/L
  • Temperatura di servizio: 16 /18 °C
  • Abbinamenti gastronomici: Primi piatti con sughi corposi, Cacciagione, Arrosti, Brasati, Formaggi semiduri
IMG_0466
Scarica la Scheda Tecnica

Azienda agricola Porto di Mola di Antimo Esposito – P.iva 02845920616

Powered by Mediawork